Slytrade ltd - 29 Hearly Street, London W1G9QR (UK) - Company Rec.: 8503494

Decreto Italiano per le StartUp

Art.11
Libri e centri scolastici digitali.

 

1. All’articolo 15 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n.133, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 2 il secondo periodo è sostituito dai seguenti: “A 
decorrere dall'anno scolastico 2013-2014, il collegio dei docenti adotta esclusivamente libri nella versione digitale o mista, costituita da un testo in formato digitale o cartaceo e da contenuti digitali integrativi, accessibili o acquistabili in rete anche in modo disgiunto. Per le scuole del primo ciclo detto obbligo decorre dall’anno scolastico 2014-2015. La delibera del collegio dei docenti relativa all’adozione della dotazione libraria è soggetta, per le istituzioni scolastiche statali e limitatamente alla verifica del rispetto del tetto di spesa di cui al comma 3-bis, al controllo contabile di cui all’articolo 5 del decreto legislativo 30 giugno 2011, n. 123.”;

b) al comma 3 sono apportate le seguenti modificazioni:
1) alla lettera a), le parole “a 
stampa” sono sostituite dalla seguente: “cartacea” e sono aggiunte in fine le seguenti parole “, tenuto conto dei contenuti digitali integrativi della versione mista;”;
2) alla lettera b), le parole “nelle versioni on line e mista” sono sostituite dalle seguenti: “nellaversione digitale, anche al fine di un’effettiva integrazione tra la versione digitale e i contenuti digitali integrativi”;
3) alla lettera c), sono aggiunte in fine le seguenti parole “, tenendo conto della riduzione dei costi dell’intera dotazione libraria derivanti dal passaggio al digitale e dei supporti tecnologici di cui al comma 3-ter.”;
c) dopo il comma 3 sono aggiunti in fine i seguenti commi:
“3-bis. 
La scuola assicura alle famiglie i contenuti digitali di cui al comma 2, con oneri a loro carico entro lo specifico limite definito dal decreto di cui al comma 3.
3-ter. La scuola assicura la disponibilità dei supporti tecnologici necessari alla fruizione dei contenuti digitali di cui al comma 2, su richiesta delle famiglie e con oneri a carico delle stesse entro lo specifico limite definito con il decreto di cui al comma 3.”.

2. A decorrere dal primo settembre 2013 è abrogato l’articolo 5 del decreto legge 1° settembre 2008, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169.

3. All’articolo 8 del decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 81, dopo il comma 1 sono aggiunti i seguenti commi:
“1-bis. 
Nei casi di cui al comma 1, le regioni e gli enti locali interessati possono stipulare convenzioni con il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca per favorire l’offerta formativa in situazioni particolarmente svantaggiate, attraverso modalità di gestione della didattica anche mediante utilizzo di nuove tecnologie al fine di migliorare la qualità dei servizi agli studenti e di garantire una maggiore socializzazione delle comunità di scuole.

1-ter. Gli alunni interessati sono collegati in rete alle classi assegnate, di cui fanno parte a tutti gli effetti.

26

1-quater. Le attività didattiche sono gestite in modalità e-learning sotto la vigilanza di un tutor nominato dall’istituzione scolastica di riferimento nell’ambito della dotazione organica assegnata alla medesima.
1-quinquies. I locali sono forniti e mantenuti dall'ente a ciò obbligato dalla legge 11 gennaio 1996, n. 23, che provvede altresì alle altre spese previste dall'articolo 3 della medesima legge nonché alla pulizia e sorveglianza dei locali medesimi e alla vigilanza a favore degli alunni.

1-sexies. La convenzione di cui al comma 1-bis regola l'acquisizione e il mantenimento della necessaria strumentazione informatica e telematica.
1-septies. Le convenzioni di cui al presente articolo sono stipulate nell'ambito delle risorse finanziarie ordinariamente disponibili a legislazione vigente.”.

 

27